Protocollo associativo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti.

Generalità

I coronavirus sono virus a RNA che, nell'essere umano, causano infezioni respiratorie lievi, nella maggior parte dei casi, e gravi, solo raramente.

 

Forniti di capsula e di dimensioni comprese tra gli 80 e i 160 nm, i coronavirus rientrano, insieme ai rhinovirus, ai virus influenzali e ai virus parainfluenzali, tra i principali responsabili del raffreddore.
Quando infettano l'essere umano, i coronavirus causano solitamente sintomi quali naso che cola, mal di gola, tosse, cefalea e febbre.
Non esistono terapie specifiche contro i coronavirus, ma solo rimedi sintomatici; attualmente, inoltre, è disponibile soltanto il vaccino per SARS-CoV-2, il coronavirus responsabile di COVID-19.
Nell'ultimo ventennio i coronavirus si sono imposti alle attenzioni del mondo per tre motivi: l'epidemia di SARS, tra il 2002 e il 2003, l'epidemia di MERS, tra il 2012 e il 2013, e la recente epidemia dovuta all'appena citato SARS-CoV-2, iniziata a fine dicembre 2019

Sintomi e Complicazioni

Come si manifestano i Coronavirus?

Le infezioni da coronavirus inducono i sintomi del tipo indicato sul sito del Ministero della Salute: "[...]i sintomi più comuni includono febbre, tosse, difficoltà respiratorie. Nei casi più gravi, l'infezione può causare polmonite, sindrome respiratoria acuta grave, insufficienza renale e persino la morte".

Nella maggior parte dei casi, le infezioni da coronavirus presentano i sintomi classici osservati in occasione delle più comuni infezioni alle vie respiratorie, ossia:

 

Complicazioni

In genere, le infezioni da coronavirus riguardano le vie respiratorie superiori (dalla bocca e il naso fino alla trachea esclusa); tuttavia, non è escluso che l'agente infettivo virale possa raggiungere anche le vie respiratorie inferiori (dalla trachea ai polmoni) e causare bronchite o, peggio, una polmonite virale.

Il rischio di polmonite da coronavirus è maggiore nelle persone anziane, nei soggetti malati di cuore e nelle persone con un sistema immunitario debole; tale rischio, inoltre, dipende anche dall'aggressività del coronavirus infettante: per esempio, i coronavirus di MERS, SARS e COVID-19 si sono dimostrati capaci di provocare polmonite anche in persone in buono stato di salute (ed è il motivo per il quale sono temuti).

Il coronavirus della SARS e ancora di più quello della MERS presentavano un tasso di letalità superiore al coronavirus responsabile di COVID-19 (fonte: Ministero della Salute).

 

Cos'è

Cosa sono i Coronavirus?

I coronavirus sono virus a RNA che, nell'essere umano, causano per lo più infezioni respiratorie lievi e limitate alle vie aeree superiori (tratto naso-faringeo, seni paranasali e gola), e solo in rare circostanze infezioni respiratorie gravi ed estese alle vie aeree inferiori (bronchi e polmoni).
Assieme ai rhinovirus, ai virus influenzali e ai virus parainfluenzali, i coronavirus rientrano tra i principali agenti scatenanti il raffreddore.

Origine dei Coronavirus

I coronavirus sono virus che normalmente circolano tra gli animali.
Alcuni di loro, tuttavia, hanno la capacità di infettare anche l'essere umano, il che li rende naturalmente oggetto di studi scientifici.
Le infezioni risultanti da virus capaci di trasmettersi dagli animali all'essere umano sono meglio conosciute come zoonosi.

 

Trasmissione

Come si trasmettono i Coronavirus?

La trasmissione dei coronavirus nella popolazione umana (cioè tra persona e persona) avviene principalmente in due modi:

  • Attraverso l'inalazione delle goccioline volatili emesse dagli individui contagiati dal virus, quando parlano, starnutiscono, tossiscono o respirano.
    Questa modalità di trasmissione è la più comune e quella che causa il maggior numero di infezioni.

  • Attraverso il contatto fisico con mani, superfici, cibi od oggetti contaminati.
    Per esempio, può risultare determinante: toccare pulsanti, telefoni, maniglie o servizi igienici oppure condividere stoviglie, posate ecc.

Ecco perché è importante conoscere le norme di prevenzione dal contagio del coronavirus.

Modalità di trasmissione dei coronavirus:

 

Dirette:

  • Goccioline volatili dovute a starnuti, colpi di tosse, respiro ecc.;

Indirette:

  • Contatto con oggetti contaminati (telefoni, tastiere del computer ecc.);

  • Contatto con liquidi organici di un paziente (feci);

Periodo di Incubazione dei Coronavirus

Per i coronavirus, il periodo di incubazione – ossia il lasso di tempo che intercorre tra l'esposizione a un agente infettivo e la comparsa dei primi sintomi – può variare da 1 a 14 giorni; mediamente, tuttavia, si attesta sui 5-7 giorni.

Durante il periodo di incubazione, diversi coronavirus, tra cui il coronavirus SARS e il SARS-CoV-2 sono contagiosi; in termini pratici, questo vuol dire che una persona infetta può trasmettere l'infezione ad altri, quando ancora i sintomi di questa non sono comparsi (e l'individuo che la sta incubando è apparentemente sano).

Fattori di rischio

In generale, le infezioni da coronavirus sono più probabili durante la stagione autunnale o in inverno; tuttavia, è bene ricordare che i coronavirus possono infettare l'essere umano tutto il tempo dell'anno.
Un altro fattore di rischio che incide fortemente sulla possibilità di sviluppare un'infezione da coronavirus è la stretta vicinanza con un individuo contaminato.

 

Prevenzione

Sono da segnalare alcuni importanti comportamenti - consigliati anche dall'OMS e dall'ISS- che riducono, in maniera efficace, il rischio di infezione.
Tra i suddetti comportamenti, rientrano:

  • Il lavaggio accurato (40-60 secondi) e frequente delle mani con sapone e acqua calda o con soluzioni a base di alcol, studiate appositamente per non irritare la pelle. Lavarsi le mani, infatti, elimina il virus;

  • Se non si ha la possibilità di lavare le mani, non toccare occhi, naso e bocca;

  • Evitare il più possibile il contatto con persone con un'infezione da coronavirus o con sintomi sospetti;

  • In caso di starnuti o colpi di tosse, coprire con la piega interna del gomito o con un fazzoletto di carta, bocca e naso;

  • Pulire con una certa frequenza le superfici maggiormente a contatto con le mani

  • utilizzando una soluzione a base di cloro o alcol (esistono degli appositi disinfettanti).

Come Evitare di Contagiare le altre persone?

Rimanere a casa fino al termine dell'infezione, evitare il contatto con le altre persone, coprirsi la bocca e il naso con un fazzoletto a ogni starnuto o colpo di tosse (e ovviamente gettare il fazzoletto subito dopo), avere cura di disinfettare gli oggetti e le superfici più toccate e alla portata di tutti sono i principali accorgimenti che una persona con un'infezione da coronavirus deve seguire, per evitare di contaminare qualcun altro.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Modalità di ingresso e di comportamento in Associazione:

 

1. ASD WANDISH predispone una adeguata informazione su tutte le misure di prevenzione da adottare.

2. ASD WANDISH redige un programma delle attività il più possibile pianificato (es. con prenotazione via mail o via telefono) e regolamenta gli accessi in modo da evitare condizioni di assembramento, mantiene l’elenco delle presenze per un periodo di 14 gg.

3. Verrà impedito l’accesso in caso di temperatura corporea > 37,5 °C.

4. L’ingresso nello spogliatoio è consentito ad un solo allievo per volta.

5. Viene garantita la distanza di sicurezza di almeno 1 metro per le persone che non svolgono attività fisica e di almeno 2 metri durante l’attività. L’utilizzo della mascherina segue la normativa vigente (è possibile togliere la mascherina durante la pratica sul tappetino, è invece obbligatorio indossarla all’ingresso e negli spogliatoi)

6. Il locale è dotato di un dispenser con soluzione idroalcoliche all’ingresso, prevedendo l’obbligo dell’igiene delle mani in entrata e in uscita.

7. I tappetini per la pratica sono personali e quindi introdotti a inizio e portati via alla fine del corso.

8. Il responsabile della struttura assicura la frequente pulizia e disinfezione dell’ambiente, pulendo e igienizzando ad ogni passaggio e/o lezione le superfici (panchette, sgabelli, porta scarpe, gradini di ingresso, vetri e pavimenti), a seconda della frequentazione, almeno 2 volte al giorno.

9. Non verranno condivise borracce, bicchieri e bottiglie o indumenti e asciugamani tra i soci.

10. Utilizzare in sala apposite calzature previste esclusivamente a questo scopo.

11. Tutti gli indumenti e oggetti personali devono essere riposti dentro la borsa personale, da lasciare su sgabelli o panchette adibite.

12. Per quanto riguarda il microclima, viene garantita la aerazione dei locali, aprendo porte e finestre.

13. Sarà garantita la disinfezione delle prese e griglie di ventilazione dell’impianto di riscaldamento, con panni in microfibra inumiditi con acqua e sapone, oppure con alcool etilico al 75%.

14. Nelle 3 ore antecedenti l’appuntamento è obbligatorio redigere l’autocertificazione Covid-19. Sarà premura dell’associazione fornire copia del modulo.

 


 

L’ASD WANDISH assume il presente protocollo associativo di regolamentazione quale attuazione delle linee guida comunicate da CSEN. 

L’ASD WANDISH è e deve restare un luogo sicuro. Per mantenere questa condizione, i comportamenti dei soci devono uniformarsi con cura alle disposizioni del presente Protocollo. 

L’informazione preventiva e puntuale è la prima iniziativa di precauzione e per questo motivo l’ASD WANDISH si impegna a portare a conoscenza dei propri soci, attraverso apposite note scritte, tutte le informazioni necessarie alla tutela della salute e della sicurezza delle persone presenti in Associazione. L’informativa avrà adeguati contenuti e la seguente articolazione: 

 

Informazione preventiva

 

L’ASD WANDISH fornirà, anche attraverso strumenti informatici, a tutti soci il presente Protocollo. 

Informazione all’entrata

Il momento dell’entrata è essenziale. Tutti coloro che entrano nei locali devono leggere l’informativa completa e conformarsi alle disposizioni ivi contenute. 

Tra le informazioni contenute nella nota informativa dovranno essere presenti:

  • l’obbligo di non entrare in Associazione in presenza di febbre (oltre 37.5°) o altri sintomi influenzali e di chiamare il proprio medico di famiglia e l’autorità sanitaria  

  • la consapevolezza e l’accettazione del fatto di non poter fare ingresso o di poter permanere in Associazione e di doverlo dichiarare tempestivamente laddove, anche successivamente all’ingresso, sussistano le condizioni di pericolo (sintomi di influenza, temperatura, provenienza da zone a rischio o contatto con persone positive al virus nei 14 giorni precedenti, etc.), in cui i provvedimenti dell’Autorità impongono di informare il medico di famiglia e l’Autorità sanitaria e di rimanere al proprio domicilio

  • l’impegno a rispettare tutte le disposizioni delle Autorità e del Presidente nel fare accesso in Associazione (in particolare, mantenere la distanza di sicurezza, osservare le regole di igiene delle mani e tenere comportamenti corretti sul piano dell’igiene).

 

Informazione a terzi

 

L’ASD WANDISH darà adeguata informazione a terzi, anche dei contenuti del presente Protocollo associativo per quanto di interesse. Tale informazione avverrà con una nota informativa. Laddove possibile ne anticiperà il contenuto rispetto all’arrivo presso la sede dell’Associazione.  

Con l’ingresso in Associazione si attesta, per fatti concludenti, di averne compreso il contenuto, si manifesta adesione alle regole ivi contenute e si assume l’impegno di conformarsi alle disposizioni ivi contenute. 

 

Analisi dei rischi

 

Individuate come cause primarie di rischio la via aerea e il contatto diretto, verrà posta particolare attenzione al distanziamento dei soci, all’obbligo di igienizzazione delle mani all’ingresso e all’uscita ed al corretto uso delle mascherine, unitamente alla personalizzazione del materiale utilizzato ed alla sanificazione dei locali e delle strutture a fronte del loro utilizzo. L’accesso sarà comunque permesso solo ai soci che non presentino sintomi riconducibili al COVID-19, in particolare aumento della temperatura e affezione delle vie aeree.